In Turchia gli archeologi hanno scoperto le rovine di un’arena di epoca romana dove, forse, fino a 20mila spettatori assistevano alle lotte tra gladiatori e animali selvatici. Ne dà notizia LiveScience.com.

L’arena potrebbe risalire a 1.800 anni fa ed è stata rinvenuta sulle colline dell’antica città di Mastaura, nella provincia occidentale di Aydin. La sua area centrale, dove si svolgevano gli spettacoli, oggi è coperta da terra e vegetazione.

Mehmet Umut Tuncer, direttore provinciale della cultura e del turismo di Aidyn, ha affermato che «la maggior parte dell’anfiteatro è sotterraneo» e la parte visibile è in gran parte coperta da «arbusti e alberi selvatici».

Gli archeologi hanno scoperto l’arena nell’estate del 2020 dopo aver ricevuto il permesso dal Ministero della Cultura e del Turismo turco per condurre le ricerche archeologiche nella città antica.

Dopo avere individuato un’immensa muratura in pietra che emergeva dal terreno, il team ha immediatamente cominciato a ripulire e a studiare il sito. Da ottobre a dicembre 2020, gli archeologi hanno «abbattuto tutti i cespugli e gli alberi selvatici».

A quanto pare, l’arena risale al 200 d.C. e, quindi, fu costruita durante la dinastia dei Severi, durante la quale «la città di Mastaura era molto sviluppata e ricca».

La Storia, insomma, non smette mai di stupire…

Rispondi