Dopo il terremoto causato dalla Superlega, nata e morta nel giro di 48 ore, Real Madrid e Juventus sarebbere ancora a rischio sanzioni da parte della UEFA per aver guidato la scissione dei 12 club.

Stando a quanto riferito da AS, quotidano sportivo spagnolo, all’interno del Comitato Esecutivo UEFA c’è una spaccatura tra chi vorrebbe l’esclusione dai due club dalla prossima edizione della Champions League e chi vuole provare a placare gli animi e promuovere una sorta di grazia.

Si parlerà di questo oggi, venerdì 23 aprile, nel Comitato Esecutivo, chiamato originariamente a decidere soltanto sulle sedi finali di Euro 2020.

Sempre secondo AS, però, una sanzione del genere sarebbe difficile da ottenere in tribunale visto che i club si erano già tutelati attraverso una serie di istanze presso la magistratura ordinaria.

Certo è che sarebbe un grave errore sanzionare i due club. Innanzitutto, perché gli altri 10 no? Inoltre, una mano pesante potrebbe, paradossalmente, riportare i top club a ripensare alla riorganizzazione della manifestazione, prima o poi.

Infine, altra notizia dalla Spagna, stavolta da VozPopuli: sarebbe di 300 milioni di euro la penale da pagare per uscire dalla Superlega. Una clausola voluta da Florentino Perez, preoccupato dai dubbi dei club inglesi. Forse per questo motivo Inter e Milan non hanno subito abbandonato l’associazione dopo l’addio in massa dei club inglesi?

Rispondi